Zenmuse x7, camera super 35 mm per il drone DJI Inspire 2

Da DJI arriva quella che potrebbe essere  la prima videocamera digitale Super 35 al mondo ottimizzata per la cinematografia aerea professionale. Sviluppata appositamente per il drone Inspire2,  ha ottiche in carbonio per menatenere basso il payload e quindi ottenere maggiore autonomia in volo. Nuovo anche il sistema colore, sviluppato in collaborazione con Techicolor.

“La Zenmuse X7 offre tutto ciò di cui hanno bisogno coloro che generano contenuti professionali, per creare filmati aerei impressionanti e vividi, proprio nel modo in cui lo desiderano”, ha dichiarato Paul Pan, Senior Merchandise Supervisor di DJI.  Tante le novità, dal sensore  Super 35 fino al supporto, dalle lenti al sistema di colore.

Più libertà espressiva

La Zenmuse X7 è dotata di un sensore video Super 35 a 14 quit dinamici, 23.5×15.7 mm  con 24 milioni di pixel effettivi, per ottenere un livello di dettaglio notevole sia con poca luce sia con luce forte, grazie al sistema di cattura immagini a bassa rumorosità che migliora l’adattabilità preservando i dettagli in aree sia di forte che di bassa luminosità. Questo si traduce in una risoluzione mai ottenuta prima con una camera DJI integrata in un drone, e precisamente  6K CinemaDNG Uncooked o 5.2K Apple ProRes fino a 30 frame al secondo, che salgono a poco meno di 60 frame al secondo con il 3.9K CinemaDNG Uncooked o 2.7K ProRes, sempre facilmente integrabili nei flussi standard di write-up produzione.

Per le lenti intercambiabili Zenmuse X7 utilizza  il DJI DL-Mount, una flangia dalla distanza focale ultra corta per lenti 16 mm, 24 mm, 35 mm e 50 mm, tutte con apertura massima di F/2.8 e realizzate in fibra di carbonio, il che le rende durevoli nel tempo e soprattutto leggere. Per consentire la regolazione delle impostazioni avanzate ed eventuali perfezionamenti, le lenti 16 mm sono dotate di un filtro interno ND 4, mentre le lenti da 24, 35 e 50 mm sono caratterizzate da otturatori meccanici.

Maggiore flessibilità in write-up-produzione

DJI ha anche introdotto un nuovo sistema colore, il DJI Cinema Color Program (DCCS) per venire incontro alle esigenze dei clienti che fanno riprese per serie Television, pubblicità, documentari e altro.  “Per la Zenmuse X7, abbiamo elevato la nostra scienza del colore a un altro livello – continua Paul Pan – Ci siamo consultati con Technicolor, l’autorità mondiale sulla scienza del colore chief nel mondo. Sotto la loro guida, i nostri ingegneri hanno sviluppato una curva ottimizzata per la X7 che consente più latitudine senza sacrificare la qualità dell’immagine”.

Il DCCS mostra un nuovo spazio di colore D-Log Curve e D-Gamut RGB per offrire una maggiore flessibilità e various opzioni di colore durante la fase di write-up-produzione. Il D-Log estende ulteriormente la serie dinamica, mentre lo spazio di colore D-Gamut RGB preserva maggiori informazioni sul colore per supportare gli scenari cinematografici più impegnativi, fornendo colori accurati per una veloce e facile fase di write-up-produzione.

Il nuovo EI Method mima il modo in cui una videocamera si muove, per aiutare i cineoperatori a catturare quante più informazioni possibili in ogni scena, bilanciando dinamismo e rumore con various curve logaritmiche a favore dell’adattabilità durante la fase di write-up-produzione.

Il sistema di gimbal Zenmuse X7 pesa solo 631 grammi con le lenti 16 mm. Il tempo di volo del drone DJI Inspire 2 con la Zenmuse X7 può raggiungere i 23 minuti. 

Confronto con la Zenmuse X5S

Prezzi e disponibilità

La videocamera Zenmuse X7 ha un costo di 2.999 Euro. Le lenti da 16 mm, 24 mm e 35 mm saranno disponibili al prezzo di 1.499 Euro ciascuna e quella da 50 mm per 1.399 Euro. I clienti potranno acquistare un combo di lenti Zenmuse X7 che include things like tutte e 4 le lenti al costo di 4.899 Euro. Le spedizioni della Zenmuse X7 partiranno agli inizi di novembre 2017 dal sito dji.com, nei negozi DJI, negozi al dettaglio autorizzati DJI  e rivenditori DJI.

Il DJI Treatment Refresh sarà disponibile per il gimbal Zenmuse X7 esattamente come per il drone Inspire 2. 

636 visite

Facebook: il crée un faux profil pour vendre du poison pour tuer… des chiens

(Photo d’illustration)

(Photo d’illustration)

Une photo partagée sur le groupe «Dog Adoption Mauritius», sur le réseau social Facebook, fait le buzz depuis la fin de cette semaine. Un individu, sous le pseudonyme de Prince Ally Bongarçon, a, en effet, publié sur ladite page un entrefilet affirmant qu’il vendait du poison. Du poison pour tuer… des chiens. «Mo éna bon poizon pou lisien, zot traka fini ar lisien sovaz aster. Prix promo inbox», peut-on y lire.

Depuis, des questions fusent de toutes parts. Qui est cet individu se demane-t-on ? Où habite-t-il ? Aucune réponse n’a, toutefois, pu être trouvée à ce stade car il aurait créé un faux profil Facebook pour faire ce partage qui a suscité de vives réactions. Le cas a été rapporté à la Mauritius Society for Animal Welfare (MSAW) ainsi qu’à l’Animal Welfare Unit (AWU).

Une photo partagée sur le groupe «Dog Adoption Mauritius»,
sur le réseau social Facebook, fait le buzz depuis la fin de cette semaine.

Contactés, les deux organismes disent être au courant de ce cas. Un officier au sein de l’AWU indique que la police sera alertée dans les plus brefs délais. «Nous irons faire une déposition à la police et allons voir ce qu’il adviendra de cette affaire.» L’officier a, dans la foulée, tenu à donner l’assurance que jusqu’à présent, aucun cas d’empoisonnement d’animal n’a été répertorié après ce «post» sur Facebook.

Sanctions pénales

Diana Luximon, Communication Officer à la MSWA, soutient, pour sa part, que ce cas a été référé au ministère de l’Agro-industrie et de la sécurité alimentaire, qui traite ce genre de dossier. Ce geste, fait-elle comprendre, est illégal selon l’Animal Welfare Act. «La MSAW envisage d’aller porter plainte au poste de police de Rose-Hill pour qu’une enquête soit initiée dans le but d’activer les choses», déclare Diana Luximon.

Elle lance également un appel aux internautes qui ont pris connaissance de ce «post» et qui auraient plus de détails sur «Prince Ally Bongarçon», de se rendre  aussi à la police. Cela devrait permettre aux officiers de police de le retrouver plus facilement.

La MSAW vend-elle des substances nocives ? La Communication Officer  affirme que l’organisme ne vend aucun type de poison et qu’il est une entité qui opère en vertu de la loi sur le bien-être de l’animal. Diana Luximon précise néanmoins que la MSAW est responsable de la capture et de l’élimination des chiens et chats errants, conformément à la loi, en les euthanasiant.

Il est interdit de maltraiter les animaux domestiques, les animaux sauvages et ceux tenus en captivité. Des sanctions pénales ne sont pas à écarter.


Motorola Solutions Awards Grant to Support Fire Risk Reductions in SC and IL

Warrenton, VA – The Vision 20/20 Project, a national strategic agenda for fire loss prevention, announced it has received a grant for $20,000 USD from the Motorola Solutions Foundation, the charitable arm of Motorola Solutions, Inc. With this grant, Vision 20/20 will create Community Risk Reduction (CRR) state teams, impacting over 500 fire service personnel. Vision 20/20 will help develop strategic plans in Illinois and South Carolina to improve public safety through risk assessments, home safety visits, smoke alarm installations, and community policing partnerships to reduce the number of fatalities and serious injuries of civilians and firefighters.

The Motorola Solutions Foundation awards grants each year to organizations, such as The Vision 20/20 Project, which support and advance public safety programs and technology & engineering education initiatives. This year, programs that served underrepresented populations, including females, people with disabilities and veterans were prioritized.

“The Vision 20/20 project is grateful to receive this grant from the Motorola Solutions Foundation,” said Vision 20/20 Project Manager Jim Crawford. “We have led numerous workshops on Community Risk Reduction and trained hundreds of fire service personnel across the country. With Motorola’s support, the next step is to develop state teams that will continue to spread this knowledge on a consistent and sustainable basis. Subject matter experts focused on assisting fire departments in their state will be a force multiplier in helping our nation adopt proven CRR best practices and, as a result, create safer communities.”

This state team approach blends risk data analyses with recommended best practices to increase CRR efforts and produce measurable results in high risk populations, including children, older adults, persons with disabilities, and those with low socioeconomic status.

In 2016, Motorola Solutions Foundation funded a grant that enabled Vision 20/20 to conduct CRR training workshops in Palm Beach County, Florida; Addison, Illinois; and San Diego County, California to help local fire departments adopt proven CRR practices. As a result, the Illinois Fire Chiefs Association made Community Risk Reduction one of their top initiatives for 2017 and is building on this workshop with additional programs on CRR to reach more departments in Illinois.

This year, Motorola Solutions Foundation grants will support programs that help over 2 million students, teachers, first responders, and community members across the United States. Each participant will receive an average of 186 programming hours from its partner non-profit organizations and institutions. Programs will support special populations including: females, underrepresented minorities, the lesbian, gay, bisexual and transgender community, people with disabilities, and veterans.

“Motorola Solutions Foundation is proud to support the work of The Vision 20/20 Project.  As a leading technology company that supports the safety of communities worldwide, we know how important it is to educate tomorrow’s technology professionals as well as enlighten civilians and first responders on today’s safety needs,” said Matt Blakely, executive director of the Motorola Solutions Foundation.

For additional information on the Motorola Solutions Foundation grants program, visit: motorolasolutions.com/foundation and for more information on The Vision 20/20 Project please visit www.strategicfire.org.

About Vision 20/20

Parrot Bebop 2 vola come il Power grazie alla nuova FreeFlight Pro 5

>Drone,1,300 grammi,46,3DRobotics,18,A2,1,Action Cam,1,Aeromobili con equipaggio,1,Aeromodellismo,29,Agricoltura,54,Aibotix,3,APM,9,APR,746,Archeologia con i Droni,7,Arducopter,44,Ardupilot,1,Assicurazione,3,Assicurazione. Droni,3,Assorpas,4,Autopilota,9,Bebop,43,Bebop 2,4,Blos,2,BVLOS,5,Campi Fotovoltaici,2,Canon,1,CES2017,4,Cobra,1,Corso droni,6,Curiosità,2,Design,1,DIJ,1,Disco,6,DJI,271,DJI Goggles,11,DJI Innovation,20,DJI Innovations,135,DJI Inspire 2,10,DJI Mavic,59,DJI Mavic Pro,3,DJI Mavic Pro Platinum,3,DJI Phantom 4,5,DJI S800,10,DJI SPARK,49,Dobby,4,Done,1,Draganflyer,4,Drone,1974,Drone Droni,2,Drone Journalism,12,Drone Notizie,1,Drone Patent Trolling,1,Drone; Droni,1,Drone. Droni,5,Drone. Hardware,1,Drone. Notizie,1,Droni,1348,Droni modelli,5,Dronie,2,Dronimodellismo,6,Dronitaly,46,Dronitaly 2016,9,Enac,15,esacottero,3,Eventi,70,Expodrone,8,Firmware,5,Formazione,17,Fotogrammetria,87,FPV,63,FPV Racing,112,GDU,1,Geologia,3,Geomatica,2,Gimbal,5,Gimbal Brushless,31,GoPro,33,GoPro Hero 4,9,GoPro Hero 5,4,GPS,5,Ground Station,4,Handheld Gimbal,5,Hardware,482,Hasselblad,1,Helicam,1,Hero 6,1,Hubsan,3,Incendio,1,inspire 1,2,Inspire 2,1,Intel,2,ispezioni,11,Italdron,3,Italia,1398,JARUS,1,karma,22,Lavoro,1,Lavoro Aereo,29,Le Prove di Quadricottero News,25,LiDAR,2,Linux,1,Manifestazione Aerea,1,Mappatura,12,Matrice 100,2,Matrice 200,1,MAV,3,Micro Drone,1,Micro Droni,31,Microdrones,5,Mikrokopter,24,mini drone,11,Mini Droni,95,Moni,1,Monitoraggio,178,Monitoraggio. Notizie,1,Multirotore,45,Multiwii,4,Norma,1,Normativa,324,Normativa EU,60,Notizie,1861,Notizize,2,OnePlus,1,Open Source,34,Openpilot,8,OSMO,4,Paparazzi,1,Paracadute,6,Parrot,84,Parrot. Notizie,1,Payload,2,Phandom,1,Phantom,42,Phantom 3,46,Phantom 3 SE,1,Phantom 4,25,Phantom 4 PRO,4,Pix4D,1,Polizia,3,Post Produzione,10,Prevenzione Incendi,5,primo contatto,20,Privacy,8,Quadricottero,278,Racing,1,Radio,1,rdcv,5,Recensione,5,Recensione Droni,26,Restauro,4,Ricerca e Soccorso,57,Rilevamenti,38,Rilevamenti Tecnici,88,Rilevamento,25,Riprese Aeree,270,Roma,2,Roma Drone Campus,13,Roma Drone Conference,78,Roma Drone Expo&Show,32,Roma Drone Urbe,13,SAPR News,598,Scatto Remoto,1,Scuola,87,Selfie,2,Sicurezza,5,Simulatore di volo,6,Skyrobotic,2,SkytTech2015,1,Software,167,Solo,7,Sorveglianza,9,speciale romadrone,5,spettacolo,1,Sport,2,Stampante 3D,6,Syma,4,Tecnica,105,Tecnologia,13,Televisione,54,Termocamera,31,Terremoto,1,Topografia,3,Trasporto con Drone,3,Tutorial,68,UAV,1,VirtualRobotix,13,Vitus,2,Wale Watching,3,Walkera,9,XAircraft,1,XIAOMI,1,Xiro,2,XK Innovations,1,Yi,1,Yuneec,9,ZeroTech,1,

Parrot Mambo FPV e Bebop 2 Electrical power, il piacere del volo

Parrot, azienda leader nel settore dei droni volanti, ha da poco introdotto thanks nuovi modelli, Bebop 2 Electrical power, nuova versione del suo celebre quadricottero e Mambo FPV, un minidrone ludico compatto, ultra leggero, agile e facile da pilotare, perfetto per i piloti che amano le corse.

Leggero, 525 g, e robusto, il Parrot Bebop 2 Electrical power integra un’ampia gamma di tecnologie e funzionalità che lo rendono perfetto sia per i piloti che per gli operatori video clip, soprattutto grazie alle nuove modalità di pilotaggio activity e, appunto, video clip. Dotato di un nuovo style Dual Black che combina finiture lucide e opache, il drone è facile da configurare e pilotare grazie all’app  FreeLight Pro, mentre col controller Parrot Skycontroller 2 è possibile mantenerne il controllo fino a 2 km di distanza. Con le nuove batterie inoltre il Bebop 2 Electrical power può restare in volo fino a 60 minuti (30 minuti a batteria).

2 Parrot Bebop2Power

For every quanto riguarda le avanzatissime modalità di pilotaggio video clip, Parrot ha adottato un nuovo sistema basato sulle reti neurali che analizza in diretta le immagini catturate dalla telecamera e distingue esseri umani e veicoli. In particolare troviamo:

  • Cameraman: consente di catturare foto e video clip controllando tutto tramite semplici gesture, advert esempio doppio simply click sullo schermo dello smartphone per mettere a fuoco o effettuare uno slide per posizionare il soggetto all’interno dell’inquadratura, mantenendo la linea di fuoco. Anche se il soggetto si sposterà inoltre il drone lo manterrà sempre al centro dell’inquadratura.
  • Magic Dronie: Orbit, Twister, Parabola e Boomerang sono quattro effetti visivi che, grazie al GPS e al riconoscimento facciale, potranno essere applicati mantenendo sempre il soggetto al centro del video clip o della foto.
  • Abide by Me e monitoraggio visivo GPS: questa funzionalità consente al drone di seguire il soggetto passo passo anche durante le attività sportive più estreme.
  • Automobile Shots: sono quattro movimenti di volo pre-programmati per catturare i paesaggi attraverso movimenti di telecamera e avanzate funzioni fotografiche.

Bebop 2 Electrical power inoltre può vantare anche un sistema di stabilizzazione digitale a tre assi che riduce vibrazioni ed efeftti di aliasing mentre il sensore CMOS 1/2,3″ da 14 Mpixel, abbinato a una lente grandangolare, consente di filmare in Total Hd a 30 FPS, salvando le immagini in JPEG o in Adobe DNG (Raw).

Parrot Bebop 2 Electrical power sarà disponibile da wonderful mese al prezzo di 699,90 euro per il pacchetto comprensivo di Skycontroller 2, Cockpit Glasses e 2 batterie.

Parrot%20Mambo%20FPV Packshot 01

 Parrot Mambo FPV invece, appear rivela il nome,  apre le porte a un’esperienza di corsa con i droni totalmente immersiva grazie alla telecamera Hd FPV (First Person View). Posizionabile facilmente sulla parte superiore del drone grazie alla tecnologia Intelligent Block è provvista di uno slot di alloggiamento per una scheda microSD ed è in grado di trasmettere le immagini del volo direttamente sullo schermo dello smartphone. Introducendo quest’ultimo nel Parrot Cockpit Glasses 2 inoltre si può ottenere un’esperienza immersiva ottimale, grazie alla distanza interpupillare regolabile e a un ampio campo visivo di 96°.

Parrot Mambo FPV è, inoltre, dotato di una serie di modalità di pilotaggio totalmente nuove pensate per allenarsi in vista di una gara:

  • Easy: la modalità ideale per coloro che si mettono per la prima volta al pilotaggio di un drone. Parrot Mambo viene stabilizzato sia orizzontalmente sia verticalmente grazie al pilota automatico che monitora ogni fase del volo.
  • Drift: la stabilizzazione orizzontale è disabilitata. Parrot Mambo vola rapido cimentandosi in virate a gomito, offrendo un’esperienza di pilotaggio davvero dinamica.

Racing: modalità da gara in cui il pilota automatico è disabilitato e al pilota è lasciato il completo controllo del quadricottero.

La nuova Electrical power battery offre un’autonomia di volo fino a 10 minuti.

Anche Parrot Mambo FPV sarà disponibile da wonderful settembre. Il prezzo consigliato al pubblico è di 179,90 euro.


Tom’s Consiglia

In cerca di un’alternativa economica? C’è il Parrot Mambo a 79 euro. 

Parrot presenta il nuovo Parrot Bebop 2 Electrical power

 Parrot presenta il nuovo Parrot Bebop 2 Power

“Caratterizzato da un peso di 525 grammi Parrot Bebop 2 Electrical power pensato sia appear prodotto consumer, sia appear dispositivo per riprese professionali, anche grazie alla possibilit di volo basato su waypoint e alla compatibilit con il radiocomando WiFi Parrot Skycontroller per un raggio d’azione che pu arrivare a 2 chilometriparrot-bebop-energy2_160.jpg”

Per Parrot l’entrata nel mondo dei droni è stata una scelta azzeccata e ha permesso al marchio di espandere il suo mercato anche al settore professionale, dove ha presentato soluzioni di monitoraggio avanzate per diversi segmenti.

Parrot Bebop 2 Power, la nuova versione full optional del suo più celebre quadricottero

Ora Parrot presenta il nuovo Parrot Bebop 2 Electrical power, la nuova versione comprehensive optional del suo più celebre quadricottero. Caratterizzato da un peso di 525 grammi, Parrot Bebop 2 Electrical power è pensato sia appear prodotto consumer, sia appear dispositivo per riprese professionali, anche grazie alla possibilità di volo basato su waypoint e alla compatibilità con il radiocomando WiFi Parrot Skycontroller per un raggio d’azione che può arrivare a 2 chilometri.

La nuova versione si distingue dalle precedenti per una più sobria livrea nera a doppia finitura lucida/opaca e all’autonomia da 30 minuti di volo, che possono anche diventare 60 grazie alle owing batterie ad alta capacità incluse nella confezione del package. Essa offre nuove modalità di pilotaggio – Activity o online video – e nuove modalità di decollo, con la possibilità di significantly decollare il drone da terra o lanciandolo delicatamente dal palmo della mano (appear avviene ad esempio con il nuovo DJI Spark).

Parrot Bebop 2 Power

Parrot Bebop 2 Electrical power sarà disponibile da fine Settembre 2017 presso i principali negozi di elettronica di consumo e su parrot.com. Il package Parrot Bebop 2 Electrical power incorporate: un Parrot Bebop 2 Electrical power, owing batterie a lunga durata, un Parrot Skycontroller 2, un Parrot Cockpitglasses 2. Questo ultimi permettono di pilotare il drone in prima persona, appear se ci si trovasse in una cabina di pilotaggio virtuale. Il prezzo consigliato al pubblico è pari a 699,90 €.

Parrot Bebop 2 Electrical power potrebbe essere il drone che stavate cercando

Andrea Centorrino

Nonostante i tagli al personale, forse dettati dalla spietata concorrenza di DJI, la francese Parrot non smette di investire sullo sviluppo dei droni: dopo l’economico Mambo FPV, capace di essere pilotato in prima persona tramite visore dedicato, ecco l’annuncio di un nuovo modello di fascia media, il Bebop 2 Electrical power.

Il Parrot Bebop 2 Electrical power si presenta con un design and style rinnovato, molto resistente grazie alla struttura in fibra di vetro e Grilamid, e dal peso di soli 525g. L’autonomia di base è di 30 minuti, ma nella confezione sono incluse due batterie, portando l’autonomia totale a 60 minuti.

A bordo troviamo una fotocamera con sensore CMOS da 14 megapixel, capace di registrare video clip whole Hd a 30 fps e di salvare foto in formato JPEG o Adobe DNG Raw. Sono presenti quattro modalità for every sfruttare la fotocamera:

  • Cameraman: grazie all’uso di reti neurali, tramite l’app for every smartphone sarà possibile selezionare un elemento, che verrà identificato (advertisement esempio, esseri umani o veicoli) e resterà sempre al centro dell’inquadratura, qualunque manovra verrà eseguita dal drone
  • Magic Dronie: un “selfie” eseguito grazie a quattro movimenti automatici del drone, ovvero Orbit, Tornado, Parabola e Boomerang (dovremo attendere qualche video clip for every comprendere meglio le differenze di tali modalità – NdR)
  • Observe me e monitoraggio visivo GPS: il Bebop 2 Electrical power seguirà l’obiettivo in qualunque situazione, lasciandolo sempre al centro dell’inquadratura
  • Vehicle shots: anche qui, quattro modalità (360, Reveal, Epic e Increase) for every eseguire gli scatti

Il drone può decollare sia da terra che dalla mano del pilota (distinguerà automaticamente le due situazioni) e, grazie alle due modalità di volo, Video clip e Activity, potrà raggiungere velocità fino a 65 km/h a distanza di massimo 2 km grazie al controller Wi-Fi Parrot Skycontroller 2. Il Bebop 2 Electrical power è anche capace di rientrare alla base in autonomia.

LEGGI ANCHE: Volare con i droni: dove e appear si possono usare

L’esperienza di volo viene completata dalla modalità in prima persona offerta dal Parrot Cockpitglasses 2, un vero e proprio visore “per la realtà virtuale” con un FOV (Area Of Eyesight) di 96°.

La disponibilità di Parrot Bebop 2 Electrical power è prevista for every fine settembre advertisement un prezzo consigliato di 699,90€: all’interno della confezione, oltre al drone, saranno presenti due batterie a lunga durata, un Parrot Skycontroller 2 ed un Parrot Cockpitglasses 2.

100 giorni con il Galaxy S8: sufficienti per odiarlo o amarlo?

In primo luogo devo dire che, dopo due anni senza un telefono di mia proprietà, quest’anno ho deciso di investire in un Galaxy S8 e sinceramente spero di non doverlo cambiare per i prossimi 18 mesi, visto che non è proprio economico. Nonostante il top di gamma della Samsung abbia i suoi difetti, è un telefono che si adatta alle mie necessità… almeno per ora.

Opinion by Camila Rinaldi

Il Galaxy S7 era eccellente e il Galaxy S8 è anche migliore

Cosa ne pensi?

Il Galaxy S8 è uno smartphone resistente

Certo che tengo in considerazione il design quando compro uno smartphone, anche se non è uno dei punti principali su cui baso la mia scelta. A dire la verità, ho passato due anni usando il Sony Xperia Z2 e il design non era il suo punto forte.

Il Galaxy S8 è uno degli smartphone più belli che abbia mai avuto, anche se la bellezza è una caratteristica soggettiva, molti di voi saranno d’accordo con me. Essendo così bello, mi rifiuto di metterci qualunque cover protettiva. Sì, è molto rischioso!

In questi 100 giorni, il Galaxy S8 mi è caduto per terra diverse volte e mi sono sorpresa del fatto che nessuno dei vetri si sia rotto. Una volta, uscendo dal supermercato, gli ho fatto fare una vera e propria prova di caduta: da 1 metro e mezzo dal suolo, S8 è caduto, è rimbalzato tre volte ed è scivolato per un metro sul marciapiede con lo schermo verso il basso. In quel momento ho pensato che il display fosse andato in pezzi. In realtà, il risultato di questa caduta si può vedere nelle seguenti immagini:

AndroidPIT Samsung Galaxy S8 100 days 1906
Molte cadute e lo schermo è ancora intatto, anche se la scocca… / © AndroidPIT

Con questo non voglio dire che se capiterà a voi sarà la stessa cosa. Naturalmente per me è stata una sorpresa visto che a guardarlo, il Galaxy S8 con il suo corpo elegante e lo schermo dai bordi curvi, sembrerebbe bastare una caduta seria a mandarlo in pezzi. Però il Gorilla Glass 5 dimostra tutto il suo valore in questo smartphone.

L’ultima volta che mi è caduto il Galaxy S8 è stato 4 giorni fa, quando mi sono scordata (come sempre) di avere il telefono nella tasca dietro e, dopo un paio di minuti seduta su una panchina, ho sentito un tonfo sordo. Il Galaxy S8 era di nuovo per terra… senza neanche un graffio!

La proporzione 18:9,5 è buona, ma non ancora funzionale

Lo schermo AMOLED di 5,8 pollici del Galaxy S8, con una risoluzione in WQHD+ e 568 ppi, è sicuramente una buona ragione per scegliere questo smartphone. La luminosità, la nitidezza, la riproduzione del colore, è tutto ottimo. Tuttavia la proporzione 18:9,5 non è ancora completamente sviluppata sul Galaxy S8 a causa della mancanza di supporto per questo tipo di schermo.

Questo non è un problema solo del Galaxy S8, tuttavia ci sono solo ancora poche applicazioni che forniscono il giusto supporto. Pertanto, come nel LG G6 e nella nuova serie LG Q6, per adattare le immagini allo schermo, le app finiscono per tagliare i contenuti, come, per esempio, i menu nei giochi. Come ho già detto nella mia recensione dell’S8, il problema si nota di più nello smartphone Samsung  a causa dei lati curvi dello schermo.

AndroidPIT Samsung Galaxy S8 100 days 1901
Giocare con uno schermo di questa qualità è favoloso, ma l’accesso ai menu non lo è affatto / © AndroidPIT

Questo è il prezzo che bisogna pagare per una tecnologia ancora in via di sviluppo. La gran parte delle applicazioni Samsung, per esempio, offre già il supporto e così anche Netflix che ha già reso disponibili contenuti originali, come la serie Stranger Things o House of Cards nel formato 2:1. Usare Twitter o Reddit con questo schermo è una meraviglia, visto che possiamo vedere più contenuti.

Inoltre Google ha accelerato questo processo di supporto alle applicazioni con questo formato. Ad aprile l’azienda ha lanciato una richiesta agli sviluppatori affinchè apportino gli adeguamenti necessari per il nuovo formato:

Al fine di migliorare al massimo i formati di visualizzazione negli smartphone Android, si deve considerare l’aumento della proporzione dello schermo massimo compatibile con le applicazioni nel Play Store. Si raccomanda lo sviluppo di app che possano supportare il formato 2:1 (18:9) o più.

Probabilmente il nuovo Pixel offrirà lo stesso formato di schermo (2:1), quindi questo problema verrà risolto molto velocemente. Per il momento, però risulta molto fastidioso perché limita l’esperienza con i contenuti dello schermo. La casa coreana sta lavorando da parecchio su alcuni modi per migliorare l’esperienza utente. Tramite un aggiornamento, la società ha offerto la possibilità di nascondere la barra di navigazione per sfruttare lo schermo intero:

Galaxy s8 button nav bar
Potete utilizzare il tasto sul bordo a destra della barra di navigazione per mostrarla o nasconderla velocemente. / 

Experience UI ha avuto bisogno di alcuni aggiornamenti 

In questi 100 giorni Samsung ha inviato molti update del sistema. La maggior parte sono state correzioni di bug in particolare in rapporto al Bluetooth 5.0. Alcuni di questi problemi sono stati risolti, altri si continuano a verificare, come la sincronizzazione dell’audio doppio quando si usano due casse connesse via Bluetooth. Purtroppo Samsung deve ancora stabilizzare questa funzione.

Quando si compra un device nuovo ci si aspetta di non doverlo aggiornare ogni momento, però alcuni dei cambiamenti introdotti con i cinque aggiornamenti rilasciati erano davvero necessari, soprattutto per mantenere aggiornate le patch di sicurezza.

AndroidPIT Samsung Galaxy S8 100 days 1872
Il tempo di lancio delle applicazioni si è leggermente allungato. / © AndroidPIT

Quanto all’hardware, non è cambiato nulla. Certo, il device continua a rispondere velocemente al sistema e fare fronte a tutte le opzioni di configurazione con tre diverse risoluzioni dello schermo (HD+, FHD e WQDH++), ora è molto più semplice. Samsung ha eliminato una serie di bloatware da Experience UI ma le opzioni originarie del sistema sono innumerevoli e c’è bisogno di tempo per capire cosa sia veramente efficace per ottimizzare le azioni di tutti i giorni.

La funzione Edge dello schermo è un buon esempio. Una delle opzioni non di serie, anche se dovrebbe, è quella che offre le scorciatoie dirette alle notifiche. Visto che lo schermo dell’S8 è lungo, accedere alla barra delle notifiche dal lato è più facile che provare a raggiungerla con un tocco sullo schermo.

Il sensore d’impronte digitali è una “decorazione”

Samsung è stata molto criticata per aver posizionato il sensore d’impronte digitali nella parte posteriore del Galaxy S8. Con opzioni come lo scanner dell’iride, posizionato frontalmente, e il riconoscimento facciale, in realtà il lettore per le impronte risutla inutile; una mera decorazione.

Ho usato il riconoscimento facciale dall’inizio: è estremamente veloce per sbloccare lo schermo però, se siete in una stanza scura o con gli occhiali da sole, dovrete sbloccare lo schermo con il PIN. Se dovete aprire la cartella sicura di Samsung o convalidare qualche pagamento, lo scanner dell’iride è molto efficace e sicuro.

La fotocamera continua ad essere favolosa

Malgrado le impostazioni della fotocamera del Galaxy S8, questa è rimasta fondamentalmente la stessa della generazione precedente, con piccoli cambiamenti nel software per migliorare la cattura delle immagini. Così facendo la qualità delle foto è migliorata, specialmente in ambienti scuri. Non c’è dubbio che la fotocamera del Galaxy S8 sia fra le migliori al momento sul mercato.

Durante il giorno il Galaxy S8 offre una buona riproduzione dei dettagli, con colori vividi ed un buon bilanciamento del bianco. In condizioni meno ideali, la modalità automatica del Galaxy S8 dà risultati ancora migliori del suo predecessore. In ambienti ad alto contrasto, la modalità Auto HDR di Samsung recupera molti dettagli nelle zone oscure della foto, mantenendo un’immagine gradevole alla vista in generale.

La stabilizzazione ottica dell’immagine e la compensazione ottica del software della fotocamere del Galaxy S8 forniscono un’ottima esperienza per chi vuole togliere il telefono dalla tasca e scattare delle foto in maniera spontanea; la modalità manuale ed il formato RAW possono far felici gli utenti più esigenti. Né la fotocamera posteriore né quella anteriore, che è passata da 5 a 8MP, hanno lasciato nulla da desiderare in questi 100 giorni.

AndroidPIT Samsung Galaxy S8 100 days 1881
La fotocamera del Galaxy S8 è quello che desiderano tutti gli influencer.  / © AndroidPIT

L’unica cosa che dovrebbe iniziare a lavorare meglio è Bixby Vision, poiché estremamente funzionale quando si cerca qualcosa, sia per lo shopping che per i promemoria. Tuttavia Samsung ha difficoltà a implementare questa funzionalità, così come il suo assistente virtuale, Bixby.

D’altra parte, visto che Bixby non è disponibile, ad eccezione del tasto dedicato che mostra alcune schede come promemoria, sveglie o la lista di tendenze di Twitter, non perdo tempo, né lo faccio perdere a voi parlando di questo assistente. L’unico dettaglio che non si può non menzionare è che Samsung dovrebbe permettere agli utenti di personalizzare questo tasto.

La batteria continua ad essere un problema, ma risolvibile

Per me la batteria del Galaxy S8 è normale. Il device si può usare per un giorno intero, se si seguono una serie di accortezze. In 100 giorni per circa il 65% di questi non ho avuto nessun problema con la batteria però nei giorni in cui avevo più bisogno del telefono, soprattutto mentre ero occupata a coprire qualche evento, dipendevo sempre da un’ulteriore batteria esterna.

Durante le mie giornate a lavoro non ho problemi con la vita della batteria dell’S8 visto che, di solito, uso il caricabatterie wireless o evito l’utilizzo delle risorse di sistema usando la modalità di ottimizzazione che riduce la risoluzione dello schermo (per esempio utilizzando FHD+ invece di WQHD+).

AndroidPIT samsung galaxy s8 fast charge 1579
Gli strumenti per il risparmio energetico per software e accessori aiutano l’autonomia del S8. / © AndroidPIT

E quindi? Dopo questi 100 giorni comprerei di nuovo il Galaxy S8?

Potrebbe avere 6GB di RAM? Sì. Potrebbe avere una batteria che dura di più? Forse sì. Sarebbe meglio se il Galaxy S8 non avesse il bottone dedicato a Bixby? Sì. Potrei comprare un altro smartphone oggi stesso? Senza dubbio. Voglio un altro telefono? No!

Opinion by Camila Rinaldi

Chi ha Google Assistant non ha proprio bisogno di Bixby.

Cosa ne pensi?

Il Galaxy S7 era eccellente e il Galaxy S8 è ancora migliore. In questo momento sto usando il device e non ho nessuna critica da portare avanti, eccetto la questione della vita della batteria e del tasto per Bixby. Certamente ci sono modi per aggiustare questi inconvenienti e, francamente, chi ha Google Assistant non ha proprio bisogno di Bixby.

Il Galaxy S8 in Italia è stato uscito a 829,99 euro, da allora però si può trovare per circa 600 euro, quindi circa il 25% in meno.

Se state pensando di comprarne uno, questo è il momento. Può migliorare? Sì, pensarci durante il Black Friday può essere una buona idea…

Aggiornare il firmware del drone Dji Encourage 2

Aggiornare il firmware del drone Dji Encourage 2, in questo breve tutorial andremo advertisement illustrare passo-passo tutte le fasi for every un corretto aggiornamento.

Arrive tutti i droni Dji, anche il quadricottero Encourage 2 necessita di frequenti aggiornamenti firmware, regolarmente rilasciati da Dji, i quali implementano sia nuove funzionalità che migliorie generali.

Aggiornare il firmware del drone Dji Encourage 2 è una procedura molto semplice, che consigliamo di eseguire ogni qual volta venga suggerita una nuova release, al high-quality di garantire una sicurezza di volo.

Vediamo ora nel dettaglio appear eseguirla. Innanzitutto è possibile aggiornare il firmware del drone Dji Encourage 2 in due differenti modalità: utilizzando il dispositivo cellular tipo pill o smartphone oppure con il Personal computer o Notebook.

Aggiornare il firmware del drone Dji Inspire 2, aggiornamento firmware drone dji inspire 2,

Aggiornare il firmware del drone Dji Inspire 2, aggiornamento firmware drone dji inspire 2,

Se for every l’aggiornamento utilizzate il dispositivo cellular, assicuratevi che abbia installato l’ultima versione della application Dji Go4 (leggete anche: “Importante aggiornamento application for every droni Dji”):

  • For each prima cosa accendete il drone Dji Encourage 2, una volta terminata l’inizializzazione, inserite il cavetto Usb contenuto nel kit nella porta sulla parte destra anteriore del drone (appear in figura sopra), assicuratevi che il piccolo swap (posto subito sopra la porta usb) sia in corrispondenza dell’icona raffigurante uno smartphone
  • Accendete il pill (assicuratevi che il dispositivo sia connesso a world wide web) ed attivate la application Dji Go4. A questo punto nella schermata principale della application vi comparirà una banda di colore arancione recante la dicitura “New firmware update is available”, fate tap su “Update now”
  • Sulla application comparirà una nuova schermata con le informazioni sulla nuova release del firmware e lo spazio richiesto, fate tap sul pulsante blu recante la dicitura “Download Now”
  • Ora verrà scaricato il nuovo firmware, una volta terminato il down load, automaticamente verrà trasmesso al drone Dji Encourage 2 e subito dopo inizierà il vero e proprio aggiornamento. Non spegnete o scollegate il pill dal drone finchè non comparirà una nuova schermata che indicherà la high-quality dell’aggiornamento del drone Dji Encourage 2. Il drone si riavvierà in automatico. La procedura è così terminata. I tempi di aggiornamento variano a seconda del tipo di firmware, generalmente possono essere necessari anche più di venti minuti.

Se volete aggiornare il firmware del drone Dji Encourage 2 tramite l’utilizzo del Personal computer o Notebook, dovete installare la versione più aggiornata del software program Dji Assistant 2 nella pagina dedicata sul sito Dji, cliccando qui. La procedura è similare a quella precedentemente descritta, ricordatevi di spostare lo swap del drone sull’icona Personal computer prima di accenderlo e connetterlo al Computer system. 

L’aggiornamento delle batterie e del gimbal invece, non richiede la connessione through cavo, in quanto le nuove release dei firmware vengono trasmesse direttamente dal drone ai dispositivi.

For each facilità di comprensione, di seguito un breve video che illustra nel dettaglio appear aggiornare il firmware del drone Dji Encourage 2.

 

Bebop 2: problemi con il firmware 4.2.0, la Parrot ha ritirato l’aggiornamento

>Drone,1,300 grammi,42,3DRobotics,14,A2,1,Action Cam,1,Aeromobili con equipaggio,1,Aeromodellismo,29,Agricoltura,51,Aibotix,3,APM,9,APR,746,Archeologia con i Droni,7,Arducopter,43,Ardupilot,1,Assicurazione,3,Assicurazione. Droni,3,Assorpas,4,Autopilota,9,Bebop,41,Bebop 2,1,Blos,2,BVLOS,4,Campi Fotovoltaici,2,Canon,1,CES2017,4,Cobra,1,Corso droni,6,Curiosità,2,Design,1,DIJ,1,Disco,6,DJI,244,DJI Goggles,9,DJI Innovation,20,DJI Innovations,135,DJI Inspire 2,10,DJI Mavic,52,DJI Phantom 4,5,DJI S800,10,DJI SPARK,34,Dobby,4,Draganflyer,4,Drone,1886,Drone Droni,2,Drone Journalism,12,Drone Notizie,1,Drone Patent Trolling,1,Drone; Droni,1,Drone. Droni,4,Drone. Hardware,1,Drone. Notizie,1,Droni,1263,Droni modelli,5,Dronie,2,Dronimodellismo,6,Dronitaly,46,Dronitaly 2016,9,Enac,13,esacottero,3,Eventi,67,Expodrone,8,Firmware,3,Formazione,16,Fotogrammetria,86,FPV,63,FPV Racing,109,Geologia,3,Geomatica,2,Gimbal,5,Gimbal Brushless,31,GoPro,32,GoPro Hero 4,9,GoPro Hero 5,4,GPS,5,Ground Station,4,Handheld Gimbal,5,Hardware,479,Hasselblad,1,Helicam,1,Hero 6,1,Hubsan,3,Incendio,1,inspire 1,2,Inspire 2,1,Intel,2,ispezioni,9,Italia,1368,JARUS,1,karma,21,Lavoro,1,Lavoro Aereo,26,Le Prove di Quadricottero News,25,LiDAR,2,Linux,1,Manifestazione Aerea,1,Mappatura,12,Matrice 100,2,Matrice 200,1,MAV,3,Micro Drone,1,Micro Droni,31,Microdrones,5,Mikrokopter,24,mini drone,11,Mini Droni,95,Moni,1,Monitoraggio,177,Monitoraggio. Notizie,1,Multirotore,45,Multiwii,4,Norma,1,Normativa,317,Normativa EU,60,Notizie,1769,Notizize,2,Open Source,33,Openpilot,8,OSMO,4,Paparazzi,1,Paracadute,6,Parrot,79,Parrot. Notizie,1,Payload,2,Phandom,1,Phantom,42,Phantom 3,46,Phantom 4,25,Phantom 4 PRO,4,Polizia,3,Post Produzione,10,Prevenzione Incendi,5,primo contatto,20,Privacy,8,Quadricottero,278,Racing,1,Radio,1,rdcv,5,Recensione,5,Recensione Droni,26,Restauro,4,Ricerca e Soccorso,55,Rilevamenti,36,Rilevamenti Tecnici,85,Rilevamento,25,Riprese Aeree,267,Roma,2,Roma Drone Campus,13,Roma Drone Conference,78,Roma Drone Expo&Show,32,Roma Drone Urbe,13,SAPR News,597,Scatto Remoto,1,Scuola,87,Selfie,2,Sicurezza,5,Simulatore di volo,6,Skyrobotic,2,SkytTech2015,1,Software,161,Solo,7,Sorveglianza,9,speciale romadrone,5,spettacolo,1,Sport,2,Stampante 3D,6,Syma,4,Tecnica,104,Tecnologia,13,Televisione,53,Termocamera,30,Terremoto,1,Topografia,3,Trasporto con Drone,2,Tutorial,67,UAV,1,VirtualRobotix,13,Vitus,1,Wale Watching,3,Walkera,7,XAircraft,1,XIAOMI,1,Xiro,2,XK Innovations,1,Yi,1,Yuneec,8,ZeroTech,1,